Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: L’ombra di Grimm

in Community

di Giuseppe Fiori | del 22/02/2012 |1 COMMENTO |commenta

Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: L’ombra di Grimm
Nell’ambito del progetto Pinocchio 2.0 è stato chiesto a mamme, papà, sorelle, fratelli, zie, zii, nonne e nonni di inventare brevi storie che poi vengono lette in classe dalle maestre e illustrate da bambine e bambini della scuola dell’infanzia di Latina e da quelli che fanno parte della rete di progetto. Ecco la storia inventata da Giuseppe Fiori, narratore e saggista.



C’erano una volta due compagni di scuola, i cui padri non si conoscevano affatto, ma avevano preso la stessa decisione…

Il papà di Hänsel era povero e non voleva che il suo “ometto” continuasse a perdere tempo sui banchi; avrebbe dovuto, al più presto, cominciare a lavorare, perché così è la vita.

Il papà di Gretel era invece ricco e non voleva che la sua bambina si distraesse con lo studio più dello stretto necessario; avrebbe dovuto piuttosto concentrarsi sugli interessi di famiglia, perché così è la vita.

Il padre di Hänsel, per stancare il figlio, la mattina gli faceva fare lunghi giri sul tram e lo abbandonava, con la scusa di un precario e improvviso impegno di lavoro, nel traffico cittadino, sperando che Hänsel non riuscisse a ritrovare la scuola. Il padre di Gretel, faceva lunghi giri con la sua Mercedes e poi, con la scusa di un sopraggiunto e importante impegno di lavoro, la lasciava per strada, certo che non avrebbe raggiunto la scuola.

Nell’intricato labirinto cittadino, i due piccoli amici provavano un senso di sconforto, che si tramutava in paura con l’abbaiare del traffico.

I due padri, anche se non si conoscevano affatto, cercavano, insomma, con tutti i mezzi, di farli diventare “Schulmüde”, cioè, come alcuni loro coetanei, studenti stanchi della scuola!

Ma Hänsel aveva un portachiavi con una bussoletta e alla fine riusciva sempre a orientarsi e a Gretel era bastato sorridergli la prima volta, vedendolo in mezzo alle macchine, per aggregarsi a lui nella difficile caccia alla scuola.

E così i due papà decisero, ognuno per proprio conto, di essere più severi e di andare a scuola per cancellare i loro figli dai registri. Mentre percorrevano il corridoio principale verso l’ufficio del Direttore, Hänsel e Gretel li convinsero a fermarsi davanti a una porticina semi-nascosta.

“Chi c’è qui dietro?” chiesero spazientiti e infastiditi l’uno della presenza dell’altro.

“Il maestro delle favole e dobbiamo dirgli addio!”

Aperta la porticina, Hänsel e Gretel spinsero dentro i due papà e la richiusero a chiave. Se ne stettero così dietro alla porta, a sentire la voce narrante del Märchenerzähler mentre rosolava a fuoco lento i due nuovi studenti troppo cresciuti… che protestavano, protestavano, ma sempre più debolmente.

Il racconto sembrava non finire mai e dalla porta filtrava il gradevole profumo delle favole, mentre sotto di essa si allungavano piccole ombre che giocavano tra di loro.

“Credi che ci vorrà molto?”

“Forse – sorrise Gretel – però, secondo me, stanno già diventando più croccanti!”


***
In testa, Hänsel e Gretel, disegno di Valentina Lepori, anni 4.


Pinocchio 2.0: http://blog.edidablog.it/blogs//index.php?blog=275 e http://www.facebook.com/group.php?gid=139204519436108

ARTICOLI CORRELATI

Geppetto, Pinocchio e i loro compagni di viaggio
Baby-flash
Robotica e narrazione
Dagli automi a Pinocchio 2.0: una rivalutazione in chiave didattica della saga dei non-nati
“Raccontare i robot” 2011: al servizio degli umani
È ancora attuale Pinocchio?
Pinocchio 3000 e il biovitalismo
Matite digitali
Le Fiabe Sonore
Robotica Creativa in ospedale
Costruisco un Sapientino... sulla storia di Pinocchio
La robotica nella mia tesina di terza media
Bambina e la fatina computerina
La trasformazione educativa in Pinocchio di Collodi
Che fatica essere Pinocchio!
Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: Trilly, Tippi e Pinocchio
Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: il pulcino PU-PU
Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: la principessa delle fate
Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: Pinocchio nello spazio
Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: L’incontentabile nanetta
Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: Il robottino canterino
Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: Dal latte ai colori
Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: Un sogno a colori
Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: Viaggio dei nonni su Marte!
Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: Billy, il pesciolino curiosone
Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: La casa volante
Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: Sciscì e Sciosciò
Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: La scopa della befana
Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: Il vestito incantato
Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: Un furbacchione di ometto

Nickname Titolo commento Scrivi commento

Scrivete i vostri commenti dentro il riquadro senza copiare il testo da Word o da altri programmi

Con la sottoscrizione delle condizioni generali di contratto l'Utente si è assunto ogni più ampia responsabilità civile, penale e amministrativa relativa all'invio e alla pubblicazione del materiale trasmesso garantendo ogni più ampia manleva. L'utente riconosce a RCS Libri e/o a società ad essa collegate e/o ai suoi aventi causa il diritto di conservare, riprodurre, diffondere e cancellare il materiale trasmesso. L'utente dichiara e garantisce il pacifico godimento di tutti i diritti relativi al materiale inviato. Pertanto, con l'invio del materiale, l'Utente cede e trasferisce a titolo gratuito e definitivo, senza limiti di spazio e di tempo, tutti i diritti di sfruttamento economico e commerciale relativi al materiale inviato.
Il tuo commento verrà pubblicato solo dopo l'approvazione da parte della Redazione. Non verranno pubblicati commenti che violano le leggi sulla stampa, diffamatori, offensivi o che chiamano in causa terze persone per fatti non accertati. Non saranno pubblicati messaggi fuori tema o pretestuosi, o scritti con linguaggio non adeguato o irrispettoso per i lettori.

Condizioni generali del servizio

La Fiaba di Maurizio Tiriticco, pubblicato il 14/04/2012

La fiaba o, se volete, la favola è il linguaggio del mito, della scoperta fantastica di una realtà che ancora non è stata affrontata con la "luce della ragione". Come sono sopravvissuti i nostri progenitori non sapendo nulla delle cause dei fenomeni naturali, non sapendo né parlare né contare? Per millenni avranno mangiato carne fresca finché un bel giorno, assaporando qualche carcassa bruciacchiata dal fulmine si sono detti, ovviamente non a parole: "Però! Mica male!" La lettura dei fenomeni naturali era tutta magica: se piove, c'è qualcuno che piscia dall'alto! Se c'è un terremoto o esplode un vulcano, c'è qualche gigantesco animale costretto sottoterra che si agita e sputa fuoco! Quando le foglie cadono e gli alberi non danno più frutti, il primitivo si dispera, ma poi impara che le foglie ricompariranno e con esse i fiori e i frutti: la gioia di scoprire lo scorrere circolare del tempo! La lettura del mondo e dei suoi fenomeni è svolta in chiave prelogica, magica! Il bambino è questo piccolo primitivo che legge il mondo a suo modo, avvalendosi delle prime strutture cerebrali che lo sostengono. Vive in un mondo di effetti di cui non conosce le cause né sa che le cause ci sono! E' il mondo immaginifico della fiaba e della favola: i primi strumenti di lettura e di comprensione, falsi, rispetto alla l"luce della ragione", ma tutti veri in quanto tutti egualmente vissuti, con il riso della soddisfazione o il pianto dell'assenza. Raccontare fiabe e favole incrementa questo mondo fantastico e prelogico: il loro linguaggio costituisce oggetto di imitazione e il bambino costruisce il suo linguaggio, l'unico in grado di capire e di produrre. Guai all'adulto che parla al bambino da adulto: non lo aiuta a costruire linguaggio e pensiero. Un bambino esposto al mondo delle favole, giorno dopo giorno incamera sempre più nuovi vocaboli e nuovi legami. Un bambino non esposto fa più fatica a costruire pensiero/linguaggio. Le maestre della scuola per l'infanzia queste cose le sanno e vivono questa meravigliosa - e faticosissima avventura - di aiutare i nuovi nati ad attraversare questa meravigliosa fase della magia e dell'egocentrismo. Peccato che poi si debba crescere...

 Roma 13 aprile 2012

 

Gli Speciali

In un unico file il meglio di education 2.0 da scaricare.

pdf

Scarica le raccolte dei nostri articoli piu belli, i commenti piu interessanti, i contributi della community, i saggi.

Testata registrata presso il Tribunale di Milano, registrazione n. 262 del 3 giugno 2009. © RCS Libri S.p.a. – Div. Education - Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano - Tel. +39 02 50951 - Fax +39 02 5065361 - Capitale Sociale € 42.405.000 - Registro Imprese e Codice Fiscale / Partita IVA n. 05877160159 - R.E.A. 1045223 - Soggetta ad attivita di direzione e coordinamento di RCS MediaGroup S.p.A. | Per la pubblicità su Education 2.0 scrivi a redazione@educationduepuntozero.it - Dati societari

55b5958e-5d6d-11e1-ba54-13d748bb99d8