L’istruzione riparte... le perplessità sulla formazione dei docenti

in Professione docente

di Fabrizio Foschi | del 15/01/2014 |3 COMMENTI |commenta

L’istruzione riparte... le perplessità sulla formazione dei docenti
Il decreto legge “L’istruzione riparte” prevede la formazione obbligatoria dei docenti che diventa prescrittiva non solo per l’attività d’aggiornamento, ma anche per la materia sulla quale dovrebbe applicarsi. Un errore che può limitare la libertà d’insegnamento.



Il decreto legge del ministro Carrozza “L’istruzione riparte” – convertito in legge (8 novembre 2013, n. 128) – prevede una spesa 10 milioni di euro, oltre alle risorse previste nell’ambito del finanziamento di programmi europei e internazionali, per attività di formazione e d’aggiornamento che saranno obbligatorie per il personale scolastico.

La questione è di rilevanza tale da richiedere qualche attenta riflessione, perché se è vero che la formazione e l’aggiornamento fanno parte del profilo identitario del docente, la curvatura verso l’obbligatorietà implica una nuova concezione della professione che la legge, però, non prevede affatto.
Il contesto entro il quale può essere giustificata e legittimata un’attività prescrittiva è quello della valorizzazione della professione docente, intesa come progressione giuridica ed economica. In questo caso, una formazione in servizio – seria e in forma intensiva – dovrebbe comportare dei benefici per il docente, anche in termini di crediti spendibili nella progressione della carriera.

Un’altra condizione imprescindibile dovrebbe essere quella della libertà d’aggiornamento, che, poste alcune condizioni uguali per tutti quelli che accedono a percorsi di riqualificazione (ore di formazione, valutazione, socializzazione dei risultati, ecc.), dovrebbe comportare la scelta da parte del docente dell’ente o del soggetto riconosciuto presso il quale svolgere l’attività di aggiornamento, cioè: reti di scuole, università, Miur, associazioni professionali, ecc…

Non sembra, purtroppo, che sia questa la direzione nella quale è stato indirizzato il presente impegno formativo, dato che la legge si occupa esclusivamente di fissare i campi entro i quali dovrebbe effettuarsi il miglioramento della didattica e che saranno attuati tramite una fase di revisione dei contenuti disciplinari e delle metodologie d’insegnamento/apprendimento.

Li riassumiamo in breve:

a) rafforzamento delle conoscenze e delle competenze di ciascun alunno […] per migliorare gli esiti nelle valutazioni nazionali svolte dall’Invalsi;
b) aumento delle competenze per potenziare i processi d’integrazione a favore di alunni con disabilità e bisogni educativi speciali;
c) potenziamento delle competenze nelle aree ad alto rischio socio-educativo […];
d) aumento delle competenze riguardanti l’educazione all’affettività […];
e) aumento delle capacità nella gestione e nella programmazione dei sistemi scolastici;
f) aumento delle competenze riguardanti i processi di digitalizzazione e d’innovazione tecnologica;
g) aumento delle competenze per favorire i percorsi di alternanza scuola-lavoro […].

Insomma, non è prevista la formazione come itinerario di crescita del docente, bensì i temi proposti riguardano la risposta ad alcune emergenze sociali cui la scuola dovrebbe porre rimedio, attraverso la funzione del docente che dovrebbe essere ampliata verso la comprensione dei nuovi bisogni.
Una scelta di campo dettata da un modello d’istruzione visto come intervento sulle storture del sistema, che prescinde completamente da una presa d’atto del soggetto che dovrebbe promuovere i singoli interventi: il docente, la sua vocazione alla comunicazione, la necessità di rinnovarla attraverso percorsi che mettano a fuoco i contenuti dell’insegnamento e l’ambito scolastico come luogo d’insegnamento/apprendimento.


Tralasciare il potenziamento del soggetto (l’adulto che insegna tramite la sua persona e le relazioni che è in grado di stabilire) significa inevitabilmente mortificarlo a un ruolo di secondo piano.
In questo modo protagonista non è – e non sarà mai – la scuola, considerata come ambiente d’incontro tra diversità che maturano insieme attraverso la trasmissione d’ipotesi di significato sulla realtà. Invece, è protagonista solo l’immediatezza con cui si risolvono alcuni casi. I problemi esistono e sono sotto gli occhi di tutti: richieste d’integrazione e soprusi consapevoli del disagio e delle disabilità.

E tuttavia non sarebbe stato male – anzi in questo caso sarebbe fattore d’autentica innovazione – accompagnare l’indicazione prescrittiva all’aggiornamento con aperture nuove e gratificanti verso la professione docente, che è spesso citata come esempio di categoria demotivata, ma per la maggior parte non lo è affatto, malgrado non si faccia granché di ciò che sarebbe possibile fare per risollevarne la credibilità.


***
Immagine in testata di ddpavumba / freedigitalphotos.net (licenza free to share)

Nickname Titolo commento Scrivi commento

Scrivete i vostri commenti dentro il riquadro senza copiare il testo da Word o da altri programmi

Con la sottoscrizione delle condizioni generali di contratto l'Utente si è assunto ogni più ampia responsabilità civile, penale e amministrativa relativa all'invio e alla pubblicazione del materiale trasmesso garantendo ogni più ampia manleva. L'utente riconosce a RCS Libri e/o a società ad essa collegate e/o ai suoi aventi causa il diritto di conservare, riprodurre, diffondere e cancellare il materiale trasmesso. L'utente dichiara e garantisce il pacifico godimento di tutti i diritti relativi al materiale inviato. Pertanto, con l'invio del materiale, l'Utente cede e trasferisce a titolo gratuito e definitivo, senza limiti di spazio e di tempo, tutti i diritti di sfruttamento economico e commerciale relativi al materiale inviato.
Il tuo commento verrà pubblicato solo dopo l'approvazione da parte della Redazione. Non verranno pubblicati commenti che violano le leggi sulla stampa, diffamatori, offensivi o che chiamano in causa terze persone per fatti non accertati. Non saranno pubblicati messaggi fuori tema o pretestuosi, o scritti con linguaggio non adeguato o irrispettoso per i lettori.

Condizioni generali del servizio

Valorizzazione della professione docente di Rosalia Garzitto, pubblicato il 21/01/2014

Importanti le riflessioni riportate nell'articolo di Foschi, dobbiamo contrastare le modalità previste dal decreto legge e contemporaneamente interrogarsi quali forme debbano avere gli itinerari di una formazione continua, indispensabili anche per la valorizzazione della professione docente. Nelle nostre scuole ci sono tante risorse umane sprecate, non valorizzare; nella scuola non sono riconosciuti né il tempo e né lo spazio per la ricerca, gli incontri di crescita personale e professionale paiono quasi clandestini. Continuiamo a parlarne, incontriamoci per riflettere insieme.    

Grazie a Foschi di beppe bagni, pubblicato il 19/01/2014 Questa riflessione di Foschi la condivido totalmente. Permane l'idea che il docente sia un professionista che si forma una volta per tutte, poi deve solo essere aggiornato sulle "emergenze". Siamo lontani dal comprendere che la formazione permanente ? componente essenziale della professione docente. Di qualsiasi docente, a qualsiasi et?. Grazie ancora a Foschi per averlo detto con questa chiarezza. Beppe Bagni, presidente Cidi

una professione senza carriera di vittoria.gallina, pubblicato il 19/01/2014

L'articolo solleva un problema molto importante , sul quale, spero, si interverrà in molti.Mi sembra opportuna la sottolineatuta dell'autore: l'amministrazione scolastica concepisce la professione del docente come strumento per rispondere alle emergenze, che via via si presentano, al di fuori di un qualsiasi piano organico di qualificazione di chi opera con grandi responsabilità in un sistema in affanno. E' assolutamente evidente che una funzione complessa come quella docente  non possa essere scandita solo sulla anzianità di servizio, senza che i responsabili della politica scolastica, e qui metterei anche i sindacati, abbiamo mai impostato un ragionamento serio su articolazioni di carriera/e e individuazione di funzioni. Le figure di sistema sono state/ sono delle finzioni che nulla hanno a che vedere con la valorizzazione di compiti e specificità estremamamnte particolari e i possibili spostamenti da una graduatoria all'altra, sempre misurati e autorizzati sulla base della anzianità, non rispondo affatto a quello che è il lavoro effettivo di chi opera nella scuola meriterebbe. L'accenno alla libertà di insegnamento mi risulta  oscuro, ma la necessità di concepire l'aggiornamento dal punto di vista e in funzione del docente mi sembra molto opportuna .

12

Gli Speciali

In un unico file il meglio di education 2.0 da scaricare.

pdf

Scarica le raccolte dei nostri articoli piu belli, i commenti piu interessanti, i contributi della community, i saggi.

Siti Amici

Vuoi inserire education2.0 sul tuo sito? clicca qui

Testata registrata presso il Tribunale di Milano, registrazione n. 262 del 3 giugno 2009. © RCS Libri S.p.a. – Div. Education - Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano - Tel. +39 02 50951 - Fax +39 02 5065361 - Capitale Sociale € 42.405.000 - Registro Imprese e Codice Fiscale / Partita IVA n. 05877160159 - R.E.A. 1045223 - Soggetta ad attivita di direzione e coordinamento di RCS MediaGroup S.p.A. | Per la pubblicità su Education 2.0 scrivi a redazione@educationduepuntozero.it - Dati societari

2c6e1290-7e00-11e3-b339-b4ce6995095e