“Aula 3.0”, la classe flessibile del futuro

in Organizzazione della scuola

di Walter Moro | del 21/10/2013 |8 COMMENTI |commenta

“Aula 3.0”, la classe flessibile del futuro
Il progetto ”Aula 3.0” fa diventare la classe flessibile, trasformandola in un laboratorio attivo di ricerca. La progettazione e l’attuazione di una classe flessibile implicano la correlazione di alcuni elementi fondamentali: l’organizzazione dello spazio fisico puntando su arredi funzionali agli studenti e alla didattica; l’uso delle nuove tecnologie della comunicazione; l’applicazione di metodologie innovative basate sul dialogo e sulla collaborazione tra insegnanti e studenti.



Pochi mesi fa gli studenti dell’ITS “Luca Pacioli” di Crema, entrando nella propria classe, si sono trovati di fronte a una sorpresa: l’aula è priva di banchi e di cattedra; la classica lavagna nera (con i gessetti) è sparita.
Lo sbalordimento è stato quello di trovarsi di fronte a un’aula arredata con tavoli colorati di forma circolare, scomponibili, adatti a essere utilizzati per il lavoro di gruppo.

Sulle pareti, al posto delle cartine geografiche, sono presenti grandi pannelli orizzontali opachi, scrivibili e magnetici.

Ci sono quattro lavagne interattive di grandi dimensioni, in ogni unità di lavoro c’è il videoproiettore connesso a un computer, collegato a sua volta a internet attraverso la rete WIFI e al Cloud della scuola.

E ci sono anche i carrelli con le stampanti wireless multifunzione.

Le sorprese non sono finite.

In quest’aula l’insegnante non fa la classica lezione frontale, non interroga nessuno, anzi spiega che non è necessario imparare a memoria, ma d’ora in poi l’importante sarà apprendere un metodo basato sull’“Inquiry Learning”, cioè su processi di apprendimento fondati sull’esperienza e sull’indagine.

L’aula così si configura come un laboratorio attivo di ricerca.

Il modello si chiama “Aula 3.0”: le tecnologie digitali e gli arredi si muovono in stretta relazione con gli spazi dell’aula, che vengono modificati ogni volta in base alle esigenze didattiche.

Il modello Aula3.0 è la classe del futuro?
Possiamo affermare che il futuro è già iniziato.

In questi ultimi dieci anni è cresciuta la consapevolezza che per elevare la qualità dell’apprendimento è necessario ridisegnare la modalità del lavoro che si svolge nella classe, ancora oggi incentrato prevalentemente sulla lezione frontale.

L’introduzione delle nuove tecnologie in ambito scolastico – la lavagna interattiva, il tablet e la lezione via web – sta contribuendo a rinnovare i criteri per organizzare la lezione. Infatti, le esperienze messe in atto dal MIUR, con particolare riferimento al progetto “Cl@sse2.0”, hanno dimostrato che l’apprendimento non si svolge solo nello spazio fisico dell’aula, che risulta essere sempre più inadeguato, ma avviene in ambienti “virtuali”, in spazi che vanno oltre la scuola che investono gli “ambienti quotidiani” di vita dello studente.

In molti Paesi del Nord Europa, nella progettazione di nuovi edifici scolastici, l’unità di base non è più considerata l’aula, ma la costruzione delle scuole parte da ambienti di apprendimento polifunzionali.
Anche nel nostro Paese ci sono molte esperienze significative dove l’aula tradizionale è stata superata.
Penso, per esempio, al progetto “Scuole Senza Zaino”[d’ora in poi SZ], un movimento partito dal basso, che coinvolge oltre 75 scuole, più di 6700 alunni e circa 650 insegnanti della scuola dell’infanzia, della scuola primaria e secondaria di primo grado.
Se entriamo in un’aula SZ non troviamo né la cattedra né i classici banchi, troviamo invece lo spazio articolato in aree di lavoro con postazioni per la matematica, le lingue, le arti, le scienze e le aree per attività di socializzazione e relax.

Il rinnovamento in questa direzione prevede che anche arredi e attrezzature assumano un’importanza decisiva nello sviluppo di metodologie interattive e collaborative tra gli studenti e gli insegnanti.
Va ricordato come, a partire dagli anni Settanta, l’ambiente fisico, gli spazi e gli arredi sono stati oggetto della ricerca di Loris Malaguzzi, condotta nelle scuole dell’infanzia di Reggio Emilia.

Le esperienze portate avanti in questi anni stanno dimostrando che se si vuole effettivamente rinnovare la didattica non basta introdurre le nuove tecnologie, è necessario ridisegnare il contesto di apprendimento partendo, anche, dall’organizzazione dello spazio fisico e degli arredi.

In questo contesto l’insegnante va aiutato a progettare una didattica che metta al centro l’apprendimento dello studente, che valorizzi le sue capacità relazionali e le sue conoscenze.

Come cambia il lavoro dell’insegnante in una classe flessibile?

Proviamo a immaginare.

Certo, fare lezione in un’“Aula 3.0” attrezzata con nuove tecnologie e arredi funzionali è senza dubbio stimolante e molto diverso dal fare lezione in modo tradizionale. In un ambiente così strutturato, non possiamo improvvisare, fare una lezione e basta, interrogare gli alunni uno a uno, né possiamo usare il libro di testo; siamo invece costretti a progettare un intervento didattico strutturato e interattivo, molto diverso dalla solita didattica frontale.

Allora cerchiamo di scrivere e progettare le fasi del percorso didattico, prendendo ad esempio una classe quinta del liceo scientifico (la tematica potrebbe andare bene anche per la terza classe della media).

L’argomento che vogliamo introdurre è: il “Futurismo”.

Ne abbiamo parlato con la collega di Lettere, perché l’argomento si presta a un approccio di tipo interdisciplinare. L’obiettivo di apprendimento è quello di fornire agli studenti una metodologia per leggere un’opera d’arte vista in relazione a testi letterari, poetici e musicali.

La proposta si porta all’attenzione in una classe eterogena che esprime bisogni formativi e stili di apprendimento differenziati; è comunque una classe motivata e interessata allo studio.

Come organizziamo il lavoro?

Primo passo:
- spieghiamo l’obiettivo del lavoro;
- evidenziamo le fasi e i tempi necessari;
- definiamo come sarà organizzata l’attività.
Questa fase preliminare è fondamentale per condividere la proposta didattica con gli studenti.
Tempo previsto: 10 minuti.

Secondo passo, l’argomento:
- chiediamo cosa significa il termine “Futurismo”, se ne hanno sentito parlare, se conoscono alcune opere di artisti futuristi;
- contestualizziamo, con una breve lezione e avvalendoci della LIM, il movimento “futurista”, tracciandone un rapido profilo storico, ed evidenziandone i concetti fondamentali.
In questo caso abbiamo disposto i tavoli in forma lineare.
Tempo previsto: 20 minuti.

Terzo passo, alla fine della breve lezione frontale:
- i tavoli vengono ricomposti in forma circolare creando così 5 gruppi eterogeni;
- in ogni gruppo c’è un conduttore/moderatore;
- il gruppo ha il compito di ampliare e approfondire la tematica del “Futurismo”;
- il lavoro di gruppo si basa sulla ricerca e sull’indagine che avviene tramite internet.
- il docente, intanto, gira tra i tavoli, dando suggerimenti, aiutando e supportando il lavoro di gruppo.
Tempo previsto: 40/50 minuti.

Quarto passo:
- si avvia un primo scambio delle informazioni raccolte;
- si organizza in tempo reale una disposizione dei tavoli a semicerchio o a ferro di cavallo;
- gli studenti, uno per gruppo, presentano i risultati e li discutono;
- svolgiamo un ruolo di mediatori;
- guidiamo e indichiamo eventuali sviluppi e approfondimenti.
Tempo previsto: 20 minuti.

Così le 2 ore a nostra disposizione sono terminate.

Da questo momento in poi il lavoro si sviluppa fuori dall’orario scolastico.

A livello individuale ogni studente, dopo aver scelto un’opera “futurista”, dovrà farne oggetto di studio, cercando di analizzare la struttura, i significati, il contesto di formazione, ecc…

Questa fase verrà svolta online condividendo il lavoro con il gruppo-classe e con l’insegnante, che potrà intervenire, se chiamato in causa. Alla fine lo studente dovrà dimostrare di saper capire, leggere e apprezzare la dimensione estetica di una o più opere d’arte, attivando così la consapevolezza per la salvaguardia del patrimonio artistico.

Nickname Titolo commento Scrivi commento

Scrivete i vostri commenti dentro il riquadro senza copiare il testo da Word o da altri programmi

Con la sottoscrizione delle condizioni generali di contratto l'Utente si è assunto ogni più ampia responsabilità civile, penale e amministrativa relativa all'invio e alla pubblicazione del materiale trasmesso garantendo ogni più ampia manleva. L'utente riconosce a RCS Libri e/o a società ad essa collegate e/o ai suoi aventi causa il diritto di conservare, riprodurre, diffondere e cancellare il materiale trasmesso. L'utente dichiara e garantisce il pacifico godimento di tutti i diritti relativi al materiale inviato. Pertanto, con l'invio del materiale, l'Utente cede e trasferisce a titolo gratuito e definitivo, senza limiti di spazio e di tempo, tutti i diritti di sfruttamento economico e commerciale relativi al materiale inviato.
Il tuo commento verrà pubblicato solo dopo l'approvazione da parte della Redazione. Non verranno pubblicati commenti che violano le leggi sulla stampa, diffamatori, offensivi o che chiamano in causa terze persone per fatti non accertati. Non saranno pubblicati messaggi fuori tema o pretestuosi, o scritti con linguaggio non adeguato o irrispettoso per i lettori.

Condizioni generali del servizio

Dubbio di Palma, pubblicato il 21/04/2017

..ma pensate davvero che questa sia innovazione?

ma se ci fosse uno studente che dopo il lavoro in classe fosse in grado di: "scegliere un' opera e farne oggetto di studio.."staremmo a discutere delle nuove  modalità di fare scuola???

Classi aperte o una scuola popolata di laboratori di BEGA, pubblicato il 21/12/2015

E' certo che per un vero cambiamento della scuola,nei metodi e nei contenuti,abbiano un ruolo

determinante i collegi docenti,ma in questi anni lo scarso interesse della politica verso le

problematiche scolastiche,i continui tagli finanziari e gli scarsi investimenti riservati quasi

da sempre all'istruzione,hanno,secondo me, giocato un ruolo determinante a mantenere e

rafforzare "l'immobilismo" che grava nelle scuole italiane.

Concordo con il professor Luigi Berlinguer quando( seguendolo in un video dei primo Convegno

di Education 2.0) esorta gli insegnanti a cercare di creare nel processo insegnamento/appren-

dimento un'atmosfera distesa e serena,di modo chè,per gli allievi "il recarsi a scuola" possa

diventare uno dei momenti più gradevole dell'intera giornata.

Mi pare che,sempre in quell'intervento,fa appello alle forze politiche di fare idonei investimenti

nell'edilizia scolastica e ai tecnici del campo a progettare nuove strutture scolastiche con spazi

spazi nuovi e accoglienti che possano far sentire gli alunni come fossero "a casa propria".

Auspico che tutto ciò possa realizzarsi nel più breve tempo possibile per tutte le scuole del nostro

Paese. Sono convinta che se i collegi dei docenti mettessero in campo e attuassero veramente

quei sani principi dell'Autonomia scolastica,con tanta buona volontà da parte di dirigenti e insegnanti

ci si potrebbe,forse,avviare verso un vero  cambiamento.

Avendo avuto la fortuna di aver insegnato all'inizio della mia carriera scolastica nella scuola dell'infanzia,

dove l'organizzazione ,i tempi e i luoghi dell'insegnamento sono senza dubbio diversi di quelli della

scuola primaria,mi sento di poter affermare che nelle scuole di primo e secondo grado,la prima

cosa importante da fare è quella di togliere i nostri alunni da quella "morsa" dei banchi!

Chiunque di voi potrà dirmi che i banchi,essendo elementi mobili possono essere spostati in qualsiasi

momento e che in qualsiasi scuola c'è una palestra,una biblioteca,un'aula computer ecc. , ecc.

E' certo che spesso manca la volontà degli insegnanti e dei dirigenti , ed è più facile per tutti restare

immobili perchè qualsiasi cambiamento fa paura.

Spero che a breve,studiosi,insegnanti,operatori della scuola, genitori forze politiche si attivino a pensare

una riforma della scuola,che con il continuo "con-senso"(inteso come continua creazione di senso)possa

portare un vero cambiamento nella scuola,nei metodi,nei contenuti e nell'organizzazione scolastica!

Voglio insegnare coi tavoli a rotelle di GIOLSI, pubblicato il 04/03/2014

Voglio essere un insegnante delle scuole coi tavoli a rotelle. Non è uno scherzo, dico sul serio, mi piace da morire una didattica così, tanto che la metto in pratica anche senza tavoli a rotelle, senza LIM, senza tablet né internet, ma con questi strumenti sarebbe un'altra cosa, io stessa li uso quotianamente fuori dalla scuola e stare in classe alle prese con gessi e lavagne (il massimo della tecnologia: la lavagna bianca), aule rinsecchite di banchi schierati per due, è uno strazio, un tuffo nel passato. 

Bisognerebbe però, intanto che ci gaziamo con queste belle esperienze, mettere a fuoco anche la fine dell'attività, cioè la fase di verifica e valutazione. 

Ci vorrebbe qualcosa di accurato come sono i Quattro Passi e anche qualche riflessione specifica: come lo studente dimostrerà di saper capire, leggere e apprezzare la dimensione estetica di un'opera d'arte? il cambiamento della metodologia prevede anche un cambiamento dell'ultima fase dell'unità didattica? Prove individuali? scritte? orali? esposizione del lavoro come verifica? tutti uguali la stessa verifica nello stesso momento? crocette? quesiti aperti? niente di tutto ciò? che cosa?

In genere si fa (tutti) così, si mettono indicazioni molto generiche sulle modalità di verifica, invece sarebbe buono che insieme al dettaglio delle prime fasi dei lavoro ci fosse anche il dettaglio dell'ultima, perché dettagliarla costringe a pensare e fare delle scelte coerenti con l'attività proposta e con le mete da raggiungere.

 

123

Gli Speciali

In un unico file il meglio di education 2.0 da scaricare.

pdf

Scarica le raccolte dei nostri articoli piu belli, i commenti piu interessanti, i contributi della community, i saggi.

Testata registrata presso il Tribunale di Milano, registrazione n. 262 del 3 giugno 2009. Copyright 2016 © Rizzoli Libri S.p.A. Sede Legale via Bianca di Savoia, 12 - 20122 Milano - Capitale Sociale € 42.405.000 - Registro Imprese e Codice Fiscale / Partita IVA n. 05877160159 - R.E.A. 1045223 - Soggetta ad attività di direzione e coordinamento di Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. | | Per la pubblicità su Education 2.0 scrivi a redazione@educationduepuntozero.it - Gruppo Mondadori | Cookie policy e privacy

5eec4f00-3a55-11e3-a986-34faf55e74ff