Nativi digitali puri e nativi digitali spuri

in Tecnologie e ambienti di apprendimento

di Paolo Ferri | del 04/03/2011 |8 COMMENTI |commenta

Nativi digitali puri e nativi digitali spuri
In occasione dell’uscita in libreria del nuovo libro di Paolo Ferri, “Nativi digitali”, un contributo dell’autore per Education 2.0 che fa l’identikit dei digital natives: chi sono, quanti anni hanno, che cosa li rende diversi dagli altri.



Il dibattito recente su “nativi digitali” e “immigranti digitali” è piuttosto acceso. Ma esistono davvero i nativi? E chi sono? Il loro modo di usare le tecnologie è legato alla loro età? Per capire meglio questo mondo è stato organizzato dall’Università di Milano Bicocca il Convegno “Digital Learning. Scuola, apprendimento e tecnologie didattiche”, il 18 e il 19 novembre scorsi a Cinisello Balsamo (Milano). E proprio al convegno è stata presentata la ricerca “Digital Learning - La dieta mediale degli studenti universitari italiani”, a cura del Gruppo NumediaBios e dell’università Milano Bicocca.

Ciò che emerge dai nostri dati è chiaro: la coppia oppositiva nativi/immigranti digitali è efficace ed esplicativa, a patto che non si considerino i nativi come una categoria unitaria e non si enfatizzi troppo la faglia tra nativi e immigrati. I nativi sono, infatti, una specie in via di apparizione, all’interno della quale possono essere individuate differenti popolazioni e stili di fruizione delle tecnologie, diversi a seconda dell’età e quindi dell’esposizione più o meno precoce alle tecnologie della comunicazione digitale. Dai dati, riportati anche in “Nativi digitali”, emergono, infatti, tre tipologie differenti di nativi digitali, che segnano la transizione dall’analogico al digitale dei giovani nei paesi sviluppati:

a. NATIVI DIGITALI PURI (tra 0 e 12 anni);
b. MILLENNIALS (tra 14 e 18 anni);
c. NATIVI DIGITALI SPURI (tra 18 e 25 anni).

Per polarizzare e rendere più esplicativo il ragionamento prendiamo in considerazione le differenze tra i due “estremi”, i nativi digitali puri e quelli spuri.


I NATIVI DIGITALI SPURI: GLI STUDENTI UNIVERSITARI

Che significa definire nativi digitali spuri gli studenti universitari? In realtà, i nostri dati dicono che navigano tantissimo in Internet, quasi tutti utilizzando la banda larga. Usano sempre più il cellulare prevalentemente per sms, foto e video (poco per navigare in Internet), non guardano quasi più la televisione, sentono poco la radio e purtroppo continuano a non leggere libri (men che meno ebook), se non quelli che studiano. Tuttavia il loro uso del Web è ancora “molto analogico”, molto Web 1.0. Sono loro stessi a definirsi utenti di base del Web e solo il 21 per cento si definisce un utente esperto. Gli studenti universitari navigano molto, usano i blog e leggono quelli dei loro amici, ma meno nel 2010 che nel 2009, a causa come vedremo del fenomeno Facebook.

Il fatto è che la loro capacità di gestire i tools del Web 2.0 è stata un po’ sopravvalutata, da tutti noi immigranti che ci occupiamo di nuovi media. O meglio, oggi possiamo dire che sia stata proiettata su questa generazione di confine una serie di competenze digitali, una fluency e una literacy tecnologica che è propria solo dei più piccoli, i nativi digitali puri (0-12 anni).


I NATIVI DIGITALI PURI: I BAMBINI GLI 0 E IL 12 ANNI

Se prendiamo, invece, in considerazione i bambini tra gli zero e i 12 anni, ci rendiamo conto che sono loro i veri nativi. Hanno un’esperienza diretta sempre più precoce degli schermi interattivi digitali — consolle per i videogiochi, cellulari, computer, iPod — così come della navigazione in Internet.

Nelle loro case e nelle loro camerette, infatti, i media digitali sono sempre più presenti insieme alle esperienze di intrattenimento, socializzazione e formazione che vengono mediate e vissute attraverso Internet e i social network, oltre che dalle consolle per videogiochi.

Henry Jenkins, già direttore del Comparative Media Studies Program presso il Mit di Boston e oggi Provost alla Annenberg School of Communication della University of Southern California, definisce l’insieme di questi comportamenti come la nuova “cultura partecipativa informale” dei nativi. “La cultura partecipativa dà un forte sostegno alle attività di produzione e condivisione delle creazioni digitali e prevede una qualche forma di mentorship informale, secondo la quale i partecipanti più esperti condividono conoscenza con i principianti. All’interno di una cultura partecipativa, i soggetti sono convinti dell’importanza del loro contributo e si sentono in qualche modo connessi gli uni con gli altri”, scrive Jenkins. I bambini tra gli 0 e 12 anni, sono, infatti, il primo gruppo veramente digitale. È ai loro comportamenti che dobbiamo guardare, più che ai comportamenti dei nativi digitali spuri, per capire il nostro futuro e per costruire un mondo che sia più accogliente per i nostri figli.

Restano solo due domande: gli insegnanti i genitori e i decisori nel mondo della formazione sono consapevoli e attrezzati a gestire questa rivoluzione antropologica e cognitiva in corso? I politici e i decisori istituzionali sono consapevoli della distanza sempre più grande che separa gli stili di produzione e progettazione dei prodotti dell’industria culturale dai nuovi stili di fruizione dei nativi digitali? La risposta è aperta ma per parafrasare Philip Dick in Ubik “ I nativi digitali sono vivi, noi stiamo... invecchiando”.


Per approfondire:
• il gruppo di ricerca: http://www.numediabios.eu/
• Paolo Ferri, “Nativi digitali”, Bruno Mondadori, 2011

Nickname Titolo commento Scrivi commento

Scrivete i vostri commenti dentro il riquadro senza copiare il testo da Word o da altri programmi

Con la sottoscrizione delle condizioni generali di contratto l'Utente si è assunto ogni più ampia responsabilità civile, penale e amministrativa relativa all'invio e alla pubblicazione del materiale trasmesso garantendo ogni più ampia manleva. L'utente riconosce a RCS Libri e/o a società ad essa collegate e/o ai suoi aventi causa il diritto di conservare, riprodurre, diffondere e cancellare il materiale trasmesso. L'utente dichiara e garantisce il pacifico godimento di tutti i diritti relativi al materiale inviato. Pertanto, con l'invio del materiale, l'Utente cede e trasferisce a titolo gratuito e definitivo, senza limiti di spazio e di tempo, tutti i diritti di sfruttamento economico e commerciale relativi al materiale inviato.
Il tuo commento verrà pubblicato solo dopo l'approvazione da parte della Redazione. Non verranno pubblicati commenti che violano le leggi sulla stampa, diffamatori, offensivi o che chiamano in causa terze persone per fatti non accertati. Non saranno pubblicati messaggi fuori tema o pretestuosi, o scritti con linguaggio non adeguato o irrispettoso per i lettori.

Condizioni generali del servizio

blended age di Raniera, pubblicato il 13/03/2013

Penso che la questione dell'età sia un po' meno rigida delle divisioni proposte. Ci sono digital natives di 20 anni, perchè magari sono molto veloci nell'adattamento. E ci sono bambini tra gli 0 e 12 anni che non sanno accendere o sanno fare molto poco in ambienti digitali.

Certamente esistono però le digital generations, con modalità cognitive e di apprendimento diverse dalla nostra, il loro focus non è sul "copiare" ma sul "ri-creare"

ogni tipo di natività merita ospitalità di piero, pubblicato il 21/11/2011

Buongiorno sono un insegnante di diritto ed economia di scuola superiore e ritengo necessario stare in ascolto delle differenze di cui ciascuno è portatore prima di attuare le strategie di insegnamento che portebbero rivelarsi più efficaci. Questo ritengo sia il bello del mio lavoro tanto che benchè ne svolga altri (sono avvocato e Presidente di una onlus) non penso lo lascerei mai. Capire la tecnologia ritengo sia necessario per poterla mettere al servizio dell'uomo che benchè sia più evoluto (bisogna intendersi poi da che punto di vista: in fondo egli risulta più resistente -ma grazie alla tecnologia- e quindi più adatto all'ambiente che rende a sè stesso più adatto) delle altre specie ritengo sia anche più distruttivo per sé e per l'ecosistema. In definitiva rimane un animale che ha bisogno anche della fisicità della comunicazione, che un'esposizione esclusiva ai mezzi digitali non potrà mai rimpiazzare.  

cavolate 20 di RossenX, pubblicato il 03/11/2011

Ma i bambini di 13 a quale categoria appartengono?

Dividere le persone in categorie in base all'età è una scocchezza senza senso, ci sono molti "nativi digitali" che non sanno neanche accendrlo un pc.E poi avere il profilo su facebook o giocare alla playstation non significa certo padroneggiare le tenologie informatiche.Anzi spesso i più giovani subiscono la tencnologia (e tutt el mode inculcate con essa) senza averne il minimo controllo.

123

Gli Speciali

In un unico file il meglio di education 2.0 da scaricare.

pdf

Scarica le raccolte dei nostri articoli piu belli, i commenti piu interessanti, i contributi della community, i saggi.

Testata registrata presso il Tribunale di Milano, registrazione n. 262 del 3 giugno 2009. Copyright 2016 © Rizzoli Libri S.p.A. Sede Legale via Bianca di Savoia, 12 - 20122 Milano - Capitale Sociale € 42.405.000 - Registro Imprese e Codice Fiscale / Partita IVA n. 05877160159 - R.E.A. 1045223 - Soggetta ad attività di direzione e coordinamento di Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. | | Per la pubblicità su Education 2.0 scrivi a redazione@educationduepuntozero.it - Gruppo Mondadori | Cookie policy e privacy

98ddf290-4656-11e0-8686-76da810bcfb4