Home » Community » I Livelli Alfa fra Centri di Accoglienza Straordinaria e CPIA: una nuova mission?

I Livelli Alfa fra Centri di Accoglienza Straordinaria e CPIA: una nuova mission?

Pubblicato il: 27/03/2019 07:00:17 -


I migranti inseriti nei CAS che non sono già titolari di protezione internazionale non potranno più usufruire dei servizi relativi all’insegnamento dell’italiano.
image_pdfimage_print

Questo contributo vuole proporre una riflessione sulle differenze fra percorsi di inserimento e apprendimento di apprendenti analfabeti afferenti ai livelli Alfa, facendo riferimento a due specifici contesti dove la scrivente ha operato negli ultimi due anni ossia il Centro di Accoglienza Straordinaria della città di Trento e un CPIA toscano, attingendo a dati quantitativi e qualitativi rilevati. Questo confronto risulta utile alla luce della recente pubblicazione del Sillabo di riferimento per l’italiano L2 in contesto migratorio: livello Alfa (Casi, Minuz 2018) da parte dell’Associazione CLIQ – Certificazione lingua italiana di qualità; un sillabo che potrà dare indicazioni alle istituzioni e agli insegnanti per progettare percorsi formativi adeguati a questa tipologia di utenza. Oggi in seguito alle direttive del Decreto Sicurezza (Decreto-Legge 4 ottobre 2018, n. 113), emanato dal Ministero dell’Interno, i migranti inseriti nei CAS che non sono già titolari di protezione internazionale non potranno più usufruire dei servizi relativi all’insegnamento dell’italiano, all’assistenza psicologica e dell’orientamento sul territorio. Il provvedimento menzionato impedisce dunque anche ai soggetti più vulnerabili, come gli analfabeti, di avere un supporto linguistico e psicologico per orientarsi nel nuovo contesto in cui si trovano: si configura uno scenario drammatico a cui potrebbero offrire una risposta i CPIA, ridefinendo la propria mission, sulla base di quanto richiamato nel D.P.R. n. 263 del 2012 che li istituisce.

Per scaricare l’intero articolo in formato pdf

Katia Raspollini

20 recommended
bookmark icon