Il numero 55

Pubblicato il: 09/06/2021 02:11:44 -


Print Friendly, PDF & Email
image_pdfimage_print

Indice del n. 55 di Education 2.0 del 9 giugno   2021

 

Fiorella Farinelli Per rafforzare la filiera tecnico-professionale non basta l’intervento sugli ITS. Ombre e vuoti del PNRR

Fiorella Farinelli (a c. di) Intervista ad Emanuele Crispolti, ricercatore Inapp,  sui problemi e tendenze dell’istruzione e della formazione professionale

Maurizio Lichtner Il PCI e la scuola – Riforma della scuola: storia di una rivista

Vittoria Gallina Un bilancio dell’esperienza  dei percorsi di formazione entro le SSIS: intervista a Lucilla Cannizzaro

Luciana Danusso   In ricordo di Matilde Vicentini

 

Presentazione del numero

In questo numero continuiamo ad analizzare il PNRR, la cui realizzazione sarà decisiva per intervenire sulle storture economiche e sociali del nostro Paese. Fiorella Farinelli esamina il fatto che gli ingenti investimenti sulla Istruzione Tecnica  Superiore, pur doverosi, potrebbero non  essere sufficienti se non si ha cura dell’intera filiera formativa che parte dalla fine dell’obbligo e che  attualmente piega le forze migliori verso la licealizzazione trascurando le potenzialità della cultura del lavoro. Sullo stesso argomento Farinelli intervista Emanuele Crispolti, profondo conoscitore dei temi della formazione professionale, il quale  mostra quanto siano elevate le potenzialità del sistema dueale (scuola e formazione) e quanto poco queste strade siano ancora coltivate in Italia. Per la serie Il PCI e la scuola Maurizio Lichtner, con notevole  e colta acribia, esamina il percorso politico-intellettuale di Riforma della scuola, la rivista del Pci che ha avuto un ruolo importante negli indirizzi politici del partito su educazione e formazione. Vittoria Gallina intervista Lucilla Cannizzaro, che ha avuto un ruolo rilevante nella esperienza delle SSIS, invitandola a mostrare quali erano i valori forti di quella  proposta di formazione degli insegnanti e quali i limiti politici di quella vicenda finita molto presto nel nulla. Infine Luciana Danusso fa un commosso  ricordo di Matilde Vicentini, recentemente scomparsa, che proprio ha avuto un rilevante ruolo, a livello nazionale, nell’educazione scientifica proponendo pratiche e percorsi didattici fortemente innovativi.

4 recommended
0 notes
bookmark icon

Rispondi