Il caso BREXIT e l’ignoranza quantica.

in Community

di Arturo Marcello Allega | del 05/07/2016 |3 COMMENTI |commenta

Il caso BREXIT e l’ignoranza quantica.
Considerazioni sull'analfabetismo incipiente nel Regno Unito del BREXIT.

Ecco, ci siamo. Vediamo all’opera l’ignoranza quantica (vedi L’analfabetismo incipiente II. L’ignoranza quantica). I dati sul referendum inglese sono decisamente allarmanti ma, per noi, direi, scontati. Sono il risultato di un effetto collettivo che non è esattamente la sommatoria delle ignoranze individuali.

Intanto i dati.

L’analisi dell’istituto Yougov (fonte corriere.it 24 giugno 16 di Antonella De Gregorio) riporta i seguenti dati sull’elettorato votante al referendum:

1. Il 64% tra gli over 65 e il 58% tra i 50 e i 65 anni hanno votato per l’uscita dalla UE. I giovani sconfitti (il 75% dei votanti tra i 18-24 per il remain).

2. Il 71% dei laureati ha votato contro il BREXIT, mentre il 55% dei votanti con titolo inferiore ha votato a favore.

3. Il Galles e l’Inghilterra (notoriamente con una situazione economica più ‘forte’) hanno votato per l’uscita mentre la Scozia e l’Irlanda del Nord per restare nella UE.

Ora, a parte la evidente frammentazione del Regno Unito che porta a rivedere tutta una serie di rapporti politici interni (prima anche che esterni), i dati mostrano delle correlazioni piuttosto allarmanti: giovani contro anziani e vecchi, “non istruiti” contro “istruiti”, grandi città (concentrazione della ricchezza) piccole cittadine (ricordando la legge di Pareto, con il restante 20% della ricchezza sociale), contestualmente, paura del diverso contro cultura dell’integrazione. Sono barriere importanti, frammentazioni gravi, spaccature sintomatiche, muri inaspettati soprattutto se si pensa che le percentuali complessive del ‘si’ e del ‘no’ sono comparabili. Una società divisa quasi a metà. E non c’è molto da stare allegri noi italiani con un 53% di persone con titolo di studio inferiore al diploma. Tutto questo, ovviamente, senza tener conto dei fenomeni del’analfabetismo funzionale o della dealfabetizzazione. Insomma, la correlazione è tra età, istruzione, ricchezza e, nella forma più estrema, razzismo. Persone anziane, ricche (o molto agiate), ‘non sufficientemente istruite’ e ostili all’inclusione sociale.

L’ignoranza quantica definisce lo stato nel quale cadono le persone senza capacità di astrazione. L’astrazione è quella capacità individuale che consente di uscire fuori dal singolo dato per ‘guardare oltre’ utilizzando modelli interpretativi fondati su leggi (sociali, psicologiche, neurologiche, scientifiche…), regole. Capacità questa, quella dell’astrazione, che consente di comprendere perché l’unione genera un possibile controllo sociale finalizzato all’equità mentre il “dìvide et ìmpera” genera solo quella forma di controllo che porta al dominio e alla diseguaglianza sociale, economica e politica. Un processo analogo nel quale l’astrazione comporta la ‘scelta di regole’ finalizzate ad un equilibrio vantaggioso per tutti, è quella indicata dalla ‘teoria dei giochi non cooperativa’. Quando le paure hanno il sopravvento, e di solito le paure viaggiano a braccetto con l’ignoranza (tradizionale), nascono quei fenomeni collettivi di psicologia di massa (e abbiamo grandi esempi del passato al riguardo) che in un momento inaspettato e improvviso precipitano nello stato dell’ignoranza ‘quantica’ (un fenomeno simile alla percolazione, in termini classici). Questo stato si realizza all’improvviso quando i numeri superano quella soglia intorno alla quale si produce il collasso generato dalla miopia irrazionale (assenza di astrazione).

Possiamo anche dire che queste persone sono state indotte dalla “politica” in questo stato d’ansia (nel quale la ragione ha potuto fare ben poco) proprio perché la grande assenza di un parlamento europeo (in barba ai propositi di “Ventotene”) si è protratta troppo a lungo lasciando l’Unione Europea governata dall’Europa dell’euro. Problema che rimanda ad altre responsabilità. Ma, qui, siamo interessati al ruolo dell’istruzione, ai dati ad essa relativa e alle sue correlazioni con gli altri parametri socio economici. Questa correlazione supporta il passaggio dal concetto di ignoranza (individuale) a quella ‘quantica’ (con il suo risvolto “collettivo”). La situazione è decisamente critica se si osserva che l’evento è speculare a quello opposto, cioè l’eventuale considerazione dei numeri sul “remain” la cui correlazione è tra “istruiti”, “poveri” (o semplicemente non abbienti), giovani e ‘democratici’ o aperti all’inclusione. E’ una singolarità, una criticità, la cui “specularità” fa riflettere molto sui difficili equilibri sociali e sulla necessità di una profonda rivisitazione dell’istruzione sociale che non può essere semplicemente sanata dalla proliferazione delle tecnologie digitali o dall’americanizzazione dell’istruzione (scuole aperte, senza aule, con un palmare in tasca). A tale proposito rimanderei i lettori agli articoli sulla “curva dell’apprendimento” a questo tema fortemente correlati.

Nickname Titolo commento Scrivi commento

Scrivete i vostri commenti dentro il riquadro senza copiare il testo da Word o da altri programmi

Con la sottoscrizione delle condizioni generali di contratto l'Utente si è assunto ogni più ampia responsabilità civile, penale e amministrativa relativa all'invio e alla pubblicazione del materiale trasmesso garantendo ogni più ampia manleva. L'utente riconosce a RCS Libri e/o a società ad essa collegate e/o ai suoi aventi causa il diritto di conservare, riprodurre, diffondere e cancellare il materiale trasmesso. L'utente dichiara e garantisce il pacifico godimento di tutti i diritti relativi al materiale inviato. Pertanto, con l'invio del materiale, l'Utente cede e trasferisce a titolo gratuito e definitivo, senza limiti di spazio e di tempo, tutti i diritti di sfruttamento economico e commerciale relativi al materiale inviato.
Il tuo commento verrà pubblicato solo dopo l'approvazione da parte della Redazione. Non verranno pubblicati commenti che violano le leggi sulla stampa, diffamatori, offensivi o che chiamano in causa terze persone per fatti non accertati. Non saranno pubblicati messaggi fuori tema o pretestuosi, o scritti con linguaggio non adeguato o irrispettoso per i lettori.

Condizioni generali del servizio

NAZIONALISMO DILAGANTE di BEGA, pubblicato il 16/09/2016

Penso che l'uscita della Gran Bretagna dalla UE non sia da considerarsi come un dato unico e isolato,

ma che,a breve,altre Nazioni faranno la stessa cosa.

Secondo il mio modesto parere tutto quello che sta accadendo in Europa,non è da addebitarsi solo ad

una mancata o idonea informazione o al divario tra "ignoranti" e "istruiti", ma ad un uso improprio

della democrazia per raggiungere altri fini.

Penso proprio che, dati i gravi eventi che stanno accadendo in Europa e nel Mondo,ci sia un'evidente

volontà politica a voler risolvere tutto non attraverso la diffusione di idee di "unione" e di "cooperazione

mondiale", ma di "sottili" metodi che  favoriranno,al contrario,la diffusione di idee,che ,a breve,ci

ricondurranno verso idee di "nazionalismo dilagante".

 

P.S. Mi chiedo ,dopo tante lezioni e discussioni sulla nascita dell'Unione Europea ,nella speranza

di una futura Unione Mondiale , all'insegna di idee di giustizia e di pace, come farò a spiegare

questi cambiamenti ai miei allievi di scuola primaria.

 

paura e ignoranza di Alice, pubblicato il 20/07/2016

Si dice che paura e ignoranza vanno a braccetto...la paura sarà sempre legata all'uomo perchè anche l'uomo più colto è di fatto piccolo nei confronti della conoscenza...a volte l'ignoranza invece(e non per difendere gli ignoranti)hanno il vantaggio di agire senza tanto stare a pensare,che se da un lato può avere nefaste conseguenze non ha il "blocco da paura"che uno che comprende le cose può invece avere...La netta suddivisione però mi sembra un pessimo sintomo...la via di mezzo non sembra essere percorribile o non voluta o non sufficentemente aprezzata...forse esiste una quarta o quinta possibilità???

lastrazione degli idioti di Uranio, pubblicato il 20/07/2016

Qualche tempo fa mi dilettai a cercare l'origine della parola "idiota" e trovai - mi sfugge però il riferimento - che indicava coloro più interessati alle cose proprie (ton idiotòn o qualcosa del genere...ho fatto a fatica solo un anno di Greco, chiedo venia) che non alla "cosa pubblica "e che pertanto non avevano diritto al voto nell'Agorà. Questo avveniva nelle Città Stato dove, se non erro, nacque la prima forma di democrazia. Mi pare che l'esito di un suffragio  che più universale non può essere: ill referendum, imponga qualche riflessione su quanto esso risponda allo spirito (almeno originario) della democrazia. Se al confornto di diverse idiozie  si aggiunge anche la dilagante trasversale ignoranza quantica stiamo freschi!.

Giusto per qualche riferiento in un campo sul quale ho qualche maggiore nozion: le Norme ISO 14.000 sui sistemi di gestione ambientale e più ancora il Regolamento EMAS (Environmental Management and Audit Scheme). Un'azienda - che intende certificare/registrare in conformità ad esse  il proprio Sistema di Gestione Ambientale deve  necessariamente acquisire il parere dei "portatori d'interesse" del territorio.Questo può essere considerato valido (e se ne tiene conto) però solo dopo sia stata fornita ampia e corretta informazione (a spese dell'azienda) sulle implicazioni (in questo caso ambientali) dell'iniziativa proposta. L'ho fatta semplice ma è un processo complesso con tutta una serie di verifiche da parte di soggetti terzi accreditati, certificati a loro volta da competenze super partes che danno al procedimento un buon livello di serietà. Ma vi pare che vi sia, a monte di un referendum, qualcosa che sia anche solo paragonabile al tentativo di corretta informazione (e anche adeguata capacità di comprensione) dei portatori d'interesse che s'impone con le succitate norme? Con interessi collettivi in gioco che direi sono "almeno paragonabili"?

 

12

Gli Speciali

In un unico file il meglio di education 2.0 da scaricare.

pdf

Scarica le raccolte dei nostri articoli piu belli, i commenti piu interessanti, i contributi della community, i saggi.

Testata registrata presso il Tribunale di Milano, registrazione n. 262 del 3 giugno 2009. Copyright 2016 © Rizzoli Libri S.p.A. Sede Legale via Bianca di Savoia, 12 - 20122 Milano - Capitale Sociale € 42.405.000 - Registro Imprese e Codice Fiscale / Partita IVA n. 05877160159 - R.E.A. 1045223 - Soggetta ad attività di direzione e coordinamento di Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. | | Per la pubblicità su Education 2.0 scrivi a redazione@educationduepuntozero.it - Gruppo Mondadori | Cookie policy e privacy

437abfe8-42c4-11e6-b838-30576fcc73f7