Home » Racconti ed esperienze » Uno studente italiano in un liceo dell’Ohio

Uno studente italiano in un liceo dell’Ohio

Pubblicato il: 12/03/2009 11:06:55 -


Appena entrati in classe il docente accende il proiettore o la radio e manda in onda gli annunci fatti dai ragazzi. Poi ci chiede di alzarci in piedi e recitiamo il giuramento alla bandiera americana. Tutti, anche se non è obbligatorio, lo fanno a voce alta.
image_pdfimage_print

Sceso dallo school bus entro nella mensa, dove vengono accolti tutti gli studenti della scuola superiore e delle medie in attesa della campanella. La giornata parte alle 8.10 e tutti gli studenti si dirigono verso i propri armadietti dove ripongono le giacche a vento e dove prendono i libri lasciati a scuola il giorno prima. Seconda campana per i ritardatari alle 8:20, e a questo punto tutti gli studenti si devono recare nella classe del primo periodo. Appena entrati in classe il docente accende il proiettore o la radio e manda in onda gli annunci fatti dai ragazzi. Poi ci chiede di alzarci in piedi e recitiamo il giuramento alla bandiera americana. Tutti, anche se non è obbligatorio, lo fanno a voce alta. Il proiettore ci mostra una sorta di telegiornale, con notizie interne della scuola e aggiornamenti sul tempo del giorno. Quindi passiamo all’appello e comincia la lezione vera e propria.

Primo periodo: inglese. La professoressa ci sottopone tre domande che servono a monitorare i progressi della classe giorno per giorno. Poi accende il proiettore e ci mostra un filmato sulla lezione del giorno. Altro test e si conclude la prima lezione.
Secondo periodo: Current Events. Il professore accende il proiettore che ci mostra i telegiornali nazionali e locali, e poi ci fa delle domande di comprensione e critica di quello che abbiamo visto.
Terzo periodo: Calcolo. Il professore scrive delle “derivative” (derivate) che dobbiamo calcolare sulla lavagna. Poi svolgiamo degli esercizi fino alla fine della lezione.
Quarto periodo: Study Hall (ora libera). Possiamo studiare o chiacchierare con gli altri ragazzi.
Quinto periodo: Fisica. La professoressa ci dà un foglio con degli esercizi, e ognuno degli studenti ne deve fare uno.

Terminati gli esercizi tutti gli studenti della scuola superiore vanno in mensa per pranzare.
Dopo il pranzo c’è il settimo periodo (il sesto è il lunch) e io mi reco in classe di biologia (la professoressa tiene in classe alcuni animali, non ho ancora capito se per mostrarli agli studenti o come compagnia personale). L’aula è sempre pulita a fondo e le lezioni possono consistere nella visione di un filmato del National Geographic o in attività teoriche e pratiche. Oggi dobbiamo dissezionare una rana. L’animale (già morto) è riposto in contenitori sterili con dentro anche la strumentazione medica (bisturi, forbici, tampone ecc). La professoressa ci fa indossare guanti, mascherine mediche e occhialoni perchè ci si può sporcare con gli schizzi del sangue della rana mentre si opera. Si inizia l’operazione, e, seguendo passo passo le istruzioni scritte su una fotocopia, individuiamo i vari organi interni e li preleviamo senza danneggiarli per mostrarli alla professoressa. Dopo aver completato i compiti scritti nella fotocopia buttiamo tutto in un bidone, puliamo il banco e la strumentazione con l’alcol, ci laviamo a fondo le mani e andiamo al “periodo” di studio successivo).
Ottavo periodo: teoria musicale. Analizziamo spartiti oppure ripetiamo regole musicali.
Nono periodo: educazione fisica, dove giochiamo a flag football (football americano senza placcaggio) o a basket.

Alle 3 si conclude la giornata, chi partecipa alle attività sportive della scuola va ad allenarsi, gli altri invece tornano a casa.

Francesco De Canio

9 recommended

Rispondi

bookmark icon

Rispondi