Home » Racconti ed esperienze » Il Sole: scalda e... cuoce!

Il Sole: scalda e… cuoce!

Pubblicato il: 22/07/2013 11:02:59 -


Il 30 giugno, a Cagliari, si è tenuta una “Gara di cucina solare”, dove i cuochi si sono sfidati cuocendo le loro pietanze con il calore del sole. Anche Marco Mameli, un bambino di nove anni, ha gareggiato e ha vinto il premio di “Bambino solare”. Education 2.0 ne ha parlato proprio con lui.
Print Friendly, PDF & Email
image_pdfimage_print

È giallo, illumina e riscalda.
Sì, stiamo parlando proprio del Sole. La stella del sistema solare, attorno a cui ruotano otto pianeti principali, tra cui la nostra Terra, i satelliti e altri corpi. Il Sole che, con la sua energia, ci illumina e ci accompagna durante la giornata. È l’elemento indispensabile che consente la vita sul nostro pianeta.

Se pensiamo alle sue caratteristiche, non possiamo non parlare del calore. Il sole scalda, e scalda molto. Ci accorgiamo che è caldo soprattutto d’estate, ma, in particolari condizioni, si possono ottenere alte temperature anche d’inverno.

Marco Mameli, un bambino di nove anni che a settembre inizierà la quinta elementare, ha visto che concentrando i raggi del Sole si poteva anche cucinare. Così, prendendo idee dal suo papà Andrea, fisico e giornalista scientifico, e di sua mamma Raffaelangela, imprenditrice che ha anche un blog di cucina, ha costruito un forno solare, che ha già utilizzato più volte per cucinare le uova e la carne.

I forni solari funzionano proprio grazie al calore emesso dal Sole. Possono essere molto utili in condizioni di emergenza, quando, per esempio, non si ha legna o combustibili o elettricità. Sono ecologici in quanto non emettono sostanze inquinanti. In molti paesi dove non c’è una rete di distribuzione del gas o elettrica, vengono utilizzati come sostituti del classico forno elettrico o a gas. In altri luoghi, come negli Stati Uniti o in Australia, sono adoperati anche per scopi didattici.

Lo scorso 30 giugno, a Cagliari, si è tenuta una “Gara di cucina solare” dove ci si è sfidati a suon di ricette, condite, appunto, dal Sole. Anche Marco ha partecipato e, con le sue polpette e le sue uova cotte al punto giusto, ha vinto il premio di “Bambino solare”. Education 2.0 ne ha parlato proprio con lui, Marco, e con il suo papà Andrea.

La parola a Marco…

D: Ciao Marco, quanti anni hai?
R: Ciao, ho nove anni e mezzo.

D: Che classe frequenti?
R: Quest’anno sono stato promosso e a settembre andrò in quinta elementare.

D: Come ti descriveresti a un bambino lontano?
R: Per prima cosa mi piace tanto giocare, nel tempo libero vado agli scout e gioco a calcio. Adoro la matematica.

D: Come è nato il tuo amore per le scienze e per il forno solare?
R: Diciamo che un giorno mi è venuta fame, allora ho pensato a un forno, dove cucinare qualcosa da mangiare. Poi ho pensato al sole, che è caldo. È così che ho avuto l’idea di costruire un forno solare.

D: Quali sono gli ingredienti per una buona “ricetta solare”?
R: Le cose ideali da cucinare con il fornetto solare sono le uova e la salsiccia.

D: Ci racconti come hai vinto il premio di “Bambino solare”?
R: Ho preso il forno che avevo costruito l’estate scorsa. Papà mi ha aiutato a potenziarlo, il vetro è più grande e ci sono alcune alette argentate che lo spingono dentro. Poi, io e la mamma abbiamo pensato a questa ricetta (uova sode e polpette). Il sole ha fatto tutto il resto.

E ora, la parola al papà Andrea…

D: Perché ritieni utile la cucina “solare”?
R: La cucina solare è utile per cucinare con una fonte rinnovabile e inesauribile. Ha un enorme valore educativo per il suo potere di svelare il significato di sostenibilità. Insegna anche il senso naturale del limite, poiché si interrompe in base alle condizioni climatiche e al momento della giornata.

D: Può essere utilizzata per scopi educativi?
R: Certamente! Penso che sia molto utile a livello didattico perché rappresenta un modello di teoria fisica, che si trasforma in azione formativa con il fare. Un “learning by doing”, che si presta a un approccio vivace e multidisciplinare.

D: Quali possono essere le potenzialità didattiche?
R: Sicuramente può essere utile imparare a costruire un forno. Un livello di base è realizzabile con materiale di recupero, come il cartone da imballaggio, vetri e specchi provenienti da quadri o arredi. Un livello più avanzato è, invece, quello che implica l’analisi accurata dei materiali e delle loro condizioni, osservando per esempio se sono presenti colle, etichette o vernici da cui potrebbero essere emesse sostanze rischiose per la salute. Un livello di approfondimento ancora maggiore consiste nella stima del carburante fossile risparmiato e delle emissioni di CO2 e di sostanze inquinanti evitate con la cucina solare.

D: Cosa si può cuocere? Con quali modalità e tempistiche? È uguale alla cottura in un forno tradizionale, oppure cambia qualcosa?
R: Direi che dipende dal tipo di forno o di fornello, dalle condizioni climatiche e dall’uso che si deve fare degli alimenti. Generalmente i costituenti basilari di un pasto semplice (primo, secondo e contorno) si possono cucinare in tempi mediamente comparabili a quelli della cucina tradizionale. In alcuni casi può occorrere il doppio del tempo, in particolare per la carne e il pesce, ma, in altri, la cottura può essere anche più rapida, ad esempio per una frittata o per le verdure arrosto. Un vantaggio non facilmente misurabile, ma per questo non meno significativo, è la cottura priva di emissioni potenzialmente nocive per la salute, rispetto, ad esempio, al forno a legna (se si brucia carbonella o legnami trattati con vernici e colle).

Alcuni link:
• Il blog di Marco Mameli
• Il blog di Raffaelangela Pani
• Il blog di Andrea Mameli

Alcune foto di Marco Mameli:
Marco Solare

Marco Solare 2
Marco intervistato

Articoli correlati:
ALPACA piccolo dispositivo digitale che fa grande la comunicazione, di Andrea Mameli
Esplorazioni scientifiche con gli occhi di due alieni, di Andrea Mameli
Il robot come strumento educativo, di Andrea Mameli
La Terra vista con gli occhi degli alieni, di Andrea Mameli
Manuale di sopravvivenza energetica, di Andrea Mameli
Scienza in festa a Cagliari, di Andrea Mameli
Tito Mameli, Maestro, di Andrea Mameli e Maurizio Matteuzzi

Raffaella Di Masi

Rispondi

0 notes
235 views
bookmark icon

Rispondi