Home » Racconti ed esperienze » I media per le scienze nella scuola secondaria

I media per le scienze nella scuola secondaria

Pubblicato il: 02/10/2013 10:31:09 -


L’articolo descrive in sintesi il percorso effettuato nell’a.s. 2012/2013 nella provincia di Cuneo sull’utilizzo dei media per analizzare alcune caratteristiche chimico-fisiche della materia, nell’ambito del progetto Scuola+ promosso dalla Fondazione C.R.C.
image_pdfimage_print

Nell’a.s. 2012/2013 la Fondazione C.R.C. ha promosso il progetto Scuola+, rivolto agli insegnanti di ogni ordine e grado della provincia di Cuneo, finanziando due interventi di formazione riguardanti l’utilizzo dei media nella didattica e la didattica finalizzata all’acquisizione di competenze.

Per quanto riguarda i media, dopo la fase di formazione effettuata dal Prof. Alberto Parola dell’Università degli Studi di Torino, si sono formati gruppi di lavoro che hanno progettato – anche mediante l’utilizzo di una piattaforma opportunamente predisposta – ed effettuato interventi didattici nelle classi. Un gruppo ha sviluppato la tematica “tecniche di separazione a diversi livelli di scolarità: un percorso verticale nella scuola secondaria”.

Sono state coinvolte due classi prime di scuola secondaria di primo grado dell’I.C. Statale “B. Vanzetti” di Villafalletto, una classe seconda di scuola secondaria di primo grado dell’I.C. “Venasca-Costigliole Saluzzo” di Costigliole Saluzzo e una classe prima di scuola secondaria di secondo grado dell’I.I.S. “G. Vallauri” di Fossano, tutte in provincia di Cuneo.

Sono state individuate conoscenze, abilità e competenze disciplinari e multimediali delle quali favorire l’acquisizione da parte degli allievi.
1. Conoscenze disciplinari e multimediali:
• conoscere i miscugli omogenei ed eterogenei;
• conoscere le tecniche di separazione;
• conoscere i programmi di videoscrittura, di elaborazione di dati (fogli di calcolo), di preparazione di presentazioni e di video e la tecnologia dei blog.

2. Abilità disciplinari e multimediali:
• saper utilizzare le apparecchiature di laboratorio nelle tecniche di separazione;
• saper descrivere l’esperienza effettuata con una relazione;
• saper utilizzare gli strumenti multimediali indicati precedentemente.

3. Competenze disciplinari e multimediali:
• saper scegliere e utilizzare con un percorso ragionato le opportune tecniche di separazione di miscele non note;
• saper scegliere criticamente gli strumenti multimediali adeguati allo scopo da raggiungere.

L’effettuazione del percorso può essere suddivisa in due fasi: alla prima hanno partecipato tutte le classi coinvolte, alla seconda e alla successiva fase di valutazione hanno partecipato le due classi di Villafalletto e la classe di Fossano, che hanno usufruito, durante tutto il percorso didattico, di una L.I.M. presente nell’aula. La classe del “Vallauri” ha utilizzato anche il servizio di posta elettronica dell’Istituto e in particolare l’applicazione Google Drive.

Nella prima fase, effettuata nel primo quadrimestre dell’anno scolastico, a un’introduzione teorica (e pratica per la classe dell’I.T.I.) dell’argomento è seguita una ricerca in rete da parte degli allievi di materiali che sono stati pubblicati sul blog Gruppo scienze secondaria scuola+.
Sono seguite esperienze di laboratorio (mediante peer education) con gruppi misti di allievi delle scuole dei due cicli di istruzione presso il laboratorio dell’I.I.S. “G. Vallauri”, con fotografie e/o riprese video fatte dagli stessi allievi.

Nella seconda fase, effettuata nel secondo quadrimestre dell’anno scolastico, gli allievi hanno prodotto delle relazioni individuali sulle esperienze svolte. Le relazioni migliori, selezionate in precedenza dagli insegnanti, sono state reciprocamente valutate da parte degli allievi dei due diversi cicli e in seguito pubblicate sul blog, insieme a fotografie e video.
La classe del Vallauri ha gestito autonomamente un gruppo su facebook e ha pubblicato, qui e su You Tube, il miglior prodotto finale (video di descrizione del percorso svolto), realizzato dall’allievo Giovanni Mogna.

La valutazione del percorso è stata effettuata dagli insegnanti mediante la correzione delle relazioni e dei prodotti finali.

Per approfondire:
scheda riassuntiva;
descrizione del progetto.

***
Immagine in testata di photl (licenza free to share)

Antonello Pesce Luisa Bagnus e Noemi Martini

bookmark icon

Rispondi