Politiche educative

L’analisi e la valutazione delle politiche educative, con attenzione anche alle realtà “oltre confine”. Un luogo di confronto fra gli attori dell’education sui fabbisogni concreti della realtà educativa.

pagine 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20

Se 18 vi sembran pochi... (parte prima)

Se 18 vi sembran pochi... (parte prima)

Politiche educative

di Franco De Anna | del 16/12/2013 | 6

Ho qualche personale responsabilità sul tema “fine ciclo a 18 anni” (non circa la decisione), avendo fatto parte di una commissione nominata dal precedente Ministro, alla quale era stato affidato il compito di “studiare” il problema e di formulare proposte. Non credo di rivelare nulla di segreto. Vorrei astenermi dall’intervenire, se non fosse il caso istruttivo – al di là del tema specifico – del continua..

Qualità dell’istruzione: i rischi e le sfide europee

Qualità dell’istruzione: i rischi e le sfide europee

Politiche educative

di Giovanni Patriarca | del 05/12/2013 | 6

Nei giorni 24-25 ottobre 2013 ha avuto luogo l´incontro informale del CDPPE – Comité directeur pour les politiques et pratiques en matière d'éducation – del Consiglio d´Europa, organizzato a Belgrado dalla Repubblica di Serbia. In un´area geografica storicamente e recentemente segnata da instabilità e caratterizzata dalla presenza radicata di differenti confessioni religiose, questa conferenza ass continua..

La valutazione negli Stati Uniti d’America: storia di un fallimento

La valutazione negli Stati Uniti d’America: storia di un fallimento

Politiche educative

di Anna Angelucci | del 03/12/2013 | 8

La “cultura della valutazione” nasce nella seconda metà del secolo scorso negli Stati Uniti d’America, imposta dal modello economico neoliberista, che applica anche all’istruzione il principio imprenditoriale dell’analisi costi-benefici a breve termine [1]. Per fare questo occorreva individuare un’entità misurabile circoscritta, un’unità di misura e uno strumento di misurazione, che permettesse di continua..

Scuola superiore: quattro anni vi sembrano pochi?

Scuola superiore: quattro anni vi sembrano pochi?

Politiche educative

di Fiorella Farinelli | del 26/11/2013 | 10

L’eventuale riduzione di un anno della durata della secondaria superiore non dovrebbe significare la compressione in quattro anni di tutti i contenuti disciplinari che oggi si sviluppano in cinque (non convince, dunque, l’idea di una “compensazione” dell’anno in meno con una dilatazione del monte-ore didattico settimanale). Per escludere il doppio rischio di un impoverimento formativo o, viceversa continua..

La guerra prossima ventura e la caduta dell'Impero Romano

La guerra prossima ventura e la caduta dell'Impero Romano

Politiche educative

di Maurizio Matteuzzi | del 22/11/2013 | 7

Le dieci domande che rivolgiamo al ministro Carrozza hanno ovviamente carattere sfidante, la maggior parte sono domande retoriche, la cui risposta è scontata. Allora a noi piacerebbe sapere, in estrema sintesi, se siamo incamminati sulla continuità del non dialogo con le forze vive dell'accademia – come è avvenuto per il passato ed al massimo con la Gelmini – o se si possa aprire uno spiraglio di continua..

pagine 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20

Gli Speciali

In un unico file il meglio di education 2.0 da scaricare.

pdf

Scarica le raccolte dei nostri articoli piu belli, i commenti piu interessanti, i contributi della community, i saggi.

Testata registrata presso il Tribunale di Milano, registrazione n. 262 del 3 giugno 2009. © RCS Libri S.p.a. – Div. Education - Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano - Tel. +39 02 50951 - Fax +39 02 5065361 - Capitale Sociale € 42.405.000 - Registro Imprese e Codice Fiscale / Partita IVA n. 05877160159 - R.E.A. 1045223 - Soggetta ad attivita di direzione e coordinamento di RCS MediaGroup S.p.A. | Per la pubblicità su Education 2.0 scrivi a redazione@educationduepuntozero.it - Dati societari - Cookie policy e privacy