Politiche educative

L’analisi e la valutazione delle politiche educative, con attenzione anche alle realtà “oltre confine”. Un luogo di confronto fra gli attori dell’education sui fabbisogni concreti della realtà educativa.

pagine 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20

Anche la formazione degli insegnanti deve cambiare!

Anche la formazione degli insegnanti deve cambiare!

Politiche educative

di Maurizio Tiriticco | del 28/05/2013 | 6

Com’è noto, parlare di scuola oggi in una società in profondo cambiamento è riduttivo. Non è un caso che, con la legge 53/03, si introdusse correttamente il concetto di “Sistema educativo di istruzione e di formazione” (art. 2) in ordine a due esigenze: - la prima di carattere socioculturale in quanto, in una società che ormai tutti definiamo della conoscenza, apprendere è una esigenza che rigua continua..

Scuola che va, scuola che viene

Scuola che va, scuola che viene

Politiche educative

di Dario Missaglia | del 27/05/2013 | 6

Il governo Monti è appena uscito di scena e appare già lontanissimo. Le leggi non scritte della politica sono implacabili: nel giro di pochi mesi è possibile essere l'uomo della Provvidenza e subito dopo un solitario testimone di un'esperienza finita. Al netto degli evidenti errori politici personali, la fine del governo Monti segna anche il punto di crisi di una politica europea del rigore a sen continua..

Sul referendum di Bologna per la scuola dell'infanzia

Sul referendum di Bologna per la scuola dell'infanzia

Politiche educative

di Luigi Berlinguer | del 20/05/2013 | 8

Colgo l’occasione fornitami da “Tuttoscuola” che è intervenuta di recente, anche con toni politico-partitici, attorno alla questione del referendum sul contributo del Comune alle scuole gestite da enti non profit per l’infanzia, previsto a Bologna il prossimo 26 maggio, per riflettere sulla situazione generale in cui versa la scuola italiana in un momento politico così delicato, con accenti di res continua..

Europa, considerazioni di un uomo qualunque (terza parte)

Europa, considerazioni di un uomo qualunque (terza parte)

Politiche educative

di Maurizio Matteuzzi | del 13/05/2013 | 4

La questione della lingua Fin dall'Antibarbarus, ovvero dalla celebre introduzione al Nizolio, Leibniz aveva individuato nella lingua il collante principale di una “nazione”. Aveva fatto di più. Aveva sostenuto una cosa molto moderna, e poco compresa. In due parole: il latino è la lingua della logica, il francese della metafisica, il tedesco diventerà una lingua importante per la filosofia, essend continua..

Europa: considerazioni di un uomo qualunque (seconda parte)

Europa: considerazioni di un uomo qualunque (seconda parte)

Politiche educative

di Maurizio Matteuzzi | del 07/05/2013 | 4

L'Europa fatta dall'alto Ogni costruzione può essere fatta, diciamolo alla moda, cioè all'inglese: top/down – bottom/up, o diciamolo con le parole della saggezza antica: eis ano to kato, oppure esi kato to ano. Come va fatta l'Europa? La via scelta è stata finora quella top/down: partiamo dal vertice, dall'alto, e scendiamo. Siamo sicuri che sia il processo giusto, il modo di procedere più adegua continua..

pagine 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20

Gli Speciali

In un unico file il meglio di education 2.0 da scaricare.

pdf

Scarica le raccolte dei nostri articoli piu belli, i commenti piu interessanti, i contributi della community, i saggi.

Testata registrata presso il Tribunale di Milano, registrazione n. 262 del 3 giugno 2009. © RCS Libri S.p.a. – Div. Education - Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano - Tel. +39 02 50951 - Fax +39 02 5065361 - Capitale Sociale € 42.405.000 - Registro Imprese e Codice Fiscale / Partita IVA n. 05877160159 - R.E.A. 1045223 - Soggetta ad attivita di direzione e coordinamento di RCS MediaGroup S.p.A. | Per la pubblicità su Education 2.0 scrivi a redazione@educationduepuntozero.it - Dati societari