Il curricolo diretto allo sviluppo di competenze

in Curricoli e saperi

di Michele Pellerey | del 11/03/2009 |2 commenti | commenta

Il curricolo diretto allo sviluppo di competenze
Che cos’è una competenza? Esistono diversi “tipi” di competenze? E, soprattutto, come può essere costruito un curricolo per lo sviluppo delle competenze? La ricognizione di Pellerey sulla situazione italiana ed europea.



Si può dire che una competenza emerge quando si riescono a mettere in gioco conoscenze, abilità e qualità personali stabili in maniera ben coordinata per rispondere in forma valida e feconda alle richieste di un compito o di una attività da svolgere. Ma è anche evidente il ruolo di altre qualità umane importanti per garantire la capacità di assolvere alle richieste dell’attività da svolgere. Si tratta della capacità di concentrarsi sul compito, di saper gestire se stessi di fronte alle difficoltà che si possono incontrare o alle reazioni emozionali che ne possono derivare.

Una competenza, a seconda dei casi, può avvicinarsi di più al concetto di abilità, o a quello di conoscenza, o ancora a quello di atteggiamento a seconda della prevalenza di importanza di una di queste componenti nello svolgimento di un compito. Così al limite una competenza può ridursi a una conoscenza, purché questa sia significativa, stabile e fruibile; oppure a una abilità, purché utilizzata in maniera consapevole e funzionale al compito o al problema; ovvero a un atteggiamento, purché si tratti di una disposizione interiore stabile su cui si può contare.

I più recenti documenti europei, riferibili agli interventi di formazione lungo tutto l’arco della vita, usano del termine “competenze chiave” e sottolineano il fatto che ognuno le deve acquisire per poter raggiungere tre obiettivi fondamentali: a) perseguire obiettivi di vita personali, mossi dai propri interessi, dalle proprie aspirazioni e dal desiderio di continuare a imparare durante tutta la vita; b) permettere ad ognuno di svolgere un ruolo di cittadino attivo nella società; c) ottenere un impiego decente nel mercato del lavoro. Sono stati identificati otto ambiti o domini di competenze chiave: a) comunicazione nella lingua madre; b) comunicazione in lingua straniera; c) ambito matematico e scientifico di base; d) ambito delle competenze digitali; d) apprendere ad apprendere; e) competenze interpersonali e civiche; f) imprenditorialità; g) espressione culturale.

Anche in Italia si valorizza il concetto di competenza, ad esempio nelle indicazioni associate alla nuova normativa dell’obbligo di istruzione, che derivano esplicitamente da quelle europee.

Per riassumere tutto in un semplice modello operativo, un curricolo orientato alle competenze dovrebbe integrare tre dimensioni formative
a) Conoscenze, abilità e competenze che permettono alla persona di crescere nella propria cultura e professionalità e di orientarsi nel mondo sociale, civile e professionale e che costituiscono un quadro di riferimento permanente. Ad esempio:
- Competenze nel gestire se stessi nell’apprendere;
- Competenze nel progettare la propria vita e la propria professionalità;
- Competenze relazionali e comunicative;

b) Competenze che radicano lo studente nella cultura, nella storia e nella geografia, favoriscono lo sviluppo e la valorizzazione delle forme espressive, lo sviluppo armonico del proprio corpo e la cura della propria e altrui salute, l’orientamento nel mondo civile, sociale, professionale e religioso. Ad esempio:
- Competenze e sensibilità nell’ambito delle espressioni culturali;
- Competenze tecniche e professionali;
- Competenze sociali e civiche;

c) Competenze che fanno da fondamento sia alla prima, sia alla seconda dimensione. Ad esempio nella nell’obbligo istruttivo:
- Competenze fondamentali nella lingua italiana;
- Competenze fondamentali nella valorizzazione dei concetti e delle procedute matematiche sia nella vita quotidiana, sia nello studio delle varie discipline;
- Competenze che permettono di utilizzare concetti, principi, teorie scientifiche per dare significato ai fenomeni naturali, per dare fondamento ai processi e ai prodotti tecnologici, per comprendere e risolvere problemi sia di natura scientifica, sia di natura sociale;
- Competenze fondamentali nella lingua inglese.

Nickname Titolo commento Scrivi commento

Scrivete i vostri commenti dentro il riquadro senza copiare il testo da Word o da altri programmi.

Con la sottoscrizione delle condizioni generali di contratto l'Utente si è assunto ogni più ampia responsabilità civile, penale e amministrativa relativa all'invio e alla pubblicazione del materiale trasmesso garantendo ogni più ampia manleva. L'utente riconosce a RCS Libri e/o a società ad essa collegate e/o ai suoi aventi causa il diritto di conservare, riprodurre, diffondere e cancellare il materiale trasmesso. L'utente dichiara e garantisce il pacifico godimento di tutti i diritti relativi al materiale inviato. Pertanto, con l'invio del materiale, l'Utente cede e trasferisce a titolo gratuito e definitivo, senza limiti di spazio e di tempo, tutti i diritti di sfruttamento economico e commerciale relativi al materiale inviato.
Il tuo commento verrà pubblicato solo dopo l'approvazione da parte della Redazione. Non verranno pubblicati commenti che violano le leggi sulla stampa, diffamatori, offensivi o che chiamano in causa terze persone per fatti non accertati. Non saranno pubblicati messaggi fuori tema o pretestuosi, o scritti con linguaggio non adeguato o irrispettoso per i lettori.

Condizioni generali del servizio

Come approfondire qusto argomento? di lapoleciute, pubblicato il 06/07/2009 Sto lavorando sulla certificazione delle competenze. Sapete darmi qualche link interessante? Grazie

Riguardo le competenze linguistiche di Nefertiti, pubblicato il 23/04/2009 Per acquisire e consolidare l?uso di un Italiano corretto, nello scrivere come nel parlare, è giusto ridurne le ore settimanali d?insegnamento nelle scuole, equiparandole a quelle della seconda lingua? Credo sarebbe meglio aumentarle per poter meglio svolgere quelle molteplici attività quali la lettura, la comprensione e l?analisi del testo, lo studio della morfo-sintassi, per rendere la competenza sempre più adeguata alle richieste della società di oggi. Purtroppo, invece, sono in aumento gli esempi di scorrettezza ortografica e sintattica, ancor prima che lessicale. Lo si vede perfino alle prove scritte dei concorsi o nelle interviste, dove certi politici e giornalisti si esprimono in maniera non propriamente corretta, magari ?distruggendo? i congiuntivi?. Prima di imparare un'altra lingua, o anche per impararla meglio, dovremmo conoscere le principali strutture che caratterizzano la propria, ma per far bene le cose ci vuole tempo, il giusto tempo. Ma la riforma riduce le ore, anche se parla di una non meglio precisata (nei contenuti e nelle modalità) ora di approfondimento. Mah, staremo a vedere!

Gli Speciali

In un unico file il meglio di education 2.0 da scaricare.

pdf

Scarica le raccolte dei nostri articoli piu belli, i commenti piu interessanti, i contributi della community, i saggi.

Testata registrata presso il Tribunale di Milano, registrazione n. 262 del 3 giugno 2009. © RCS Libri S.p.a. – Div. Education - Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano - Tel. +39 02 50951 - Fax +39 02 5065361 - Capitale Sociale € 42.405.000 - Registro Imprese e Codice Fiscale / Partita IVA n. 05877160159 - R.E.A. 1045223 - Soggetta ad attivita di direzione e coordinamento di RCS MediaGroup S.p.A. | Per la pubblicità su Education 2.0 scrivi a redazione@educationduepuntozero.it - Dati societari

526b6e98-415f-11df-bb67-00144f486ba6