Home » Community » Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: Ricciolina e il manto dell’amore

Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: Ricciolina e il manto dell’amore

Pubblicato il: 08/03/2012 16:30:37 -


Nell’ambito del progetto Pinocchio 2.0 è stato chiesto a mamme, papà, sorelle, fratelli, zie, zii, nonne e nonni di inventare brevi storie che poi vengono lette in classe dalle maestre e illustrate da bambine e bambini della scuola dell’infanzia di Latina e da quelli che fanno parte della rete di progetto. Ecco la storia inventata da Tiziana Colella, mamma di Giulia Pasqual.
Print Friendly, PDF & Email
image_pdfimage_print

Tanto tempo fa, ma neanche troppo, c’era una pecorella di nome Ricciolina, piccola piccola, tanto carina, ma dal pelo tutto nero.

Per questo motivo, le altre pecorelle del gregge la prendevano in giro e la lasciavano sempre sola. Un giorno la pecorella se ne stava tutta triste sotto un grande albero vicino al bosco, piangendo e disperandosi sulla sua sorte.

A un certo punto Ricciolina sentì una voce dolcissima cantare un’allegra melodia.

Era un folletto di nome Furby che passando lì vicino la sentì lamentarsi e le chiese il motivo di tanto dolore: “Nessuno mi vuole – rispose lei tristissima – perché ho il pelo tutto nero ma io ho tanto amore da dare!”

Il folletto si commosse e convinse tutti gli altri folletti del bosco a usare la loro speciale magia e a tessere per la pecorella triste un meraviglioso mantello di fili di arcobaleno.

Mai nessun manto era stato più bello, mai nessuna pecorella più felice.

“Ricordati – disse il folletto a Ricciolina raggiante di gioia – questo manto è un manto d’amore e solo con l’amore si conserverà nel suo splendore”.

La pecorella si impegnò ad amare tutti gli esseri della Terra e promise di tornare al bosco molto spesso per far visita a Furby.

E così fu: la pecorella tornò al suo gregge, più splendida che mai, e per tutta la sua vita donò amore, coraggio e felicità a tutti, anche a coloro che prima l’avevano fatta soffrire tanto.

Grazie a Ricciolina da quel giorno tutte le pecorelle del gregge impararono che cosa vuol dire davvero amare.

***
In testa, L’Amore, disegno di Simone Damiani, anni 4.

Pinocchio 2.0: http://blog.edidablog.it/blogs//index.php?blog=275 e http://www.facebook.com/group.php?gid=139204519436108

ARTICOLI CORRELATI

Geppetto, Pinocchio e i loro compagni di viaggio

Baby-flash

Robotica e narrazione

Dagli automi a Pinocchio 2.0: una rivalutazione in chiave didattica della saga dei non-nati

“Raccontare i robot” 2011: al servizio degli umani

È ancora attuale Pinocchio?

Pinocchio 3000 e il biovitalismo

Matite digitali

Le Fiabe Sonore

Robotica Creativa in ospedale

Costruisco un Sapientino… sulla storia di Pinocchio

La robotica nella mia tesina di terza media

Bambina e la fatina computerina

La trasformazione educativa in Pinocchio di Collodi

Che fatica essere Pinocchio!

Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: Trilly, Tippi e Pinocchio

Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: il pulcino PU-PU

Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: la principessa delle fate

Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: Pinocchio nello spazio

Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: L’incontentabile nanetta

Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: Il robottino canterino

Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: Dal latte ai colori

Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: Un sogno a colori

Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: Viaggio dei nonni su Marte!

Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: Billy, il pesciolino curiosone

Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: La casa volante

Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: Sciscì e Sciosciò

Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: La scopa della befana

Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: Il vestito incantato

Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: Un furbacchione di ometto

Pinocchio 2.0 e i grandi che inventano storie: L’ombra di Grimm

Tiziana Colella

2 recommended

Rispondi

0 notes
153 views
bookmark icon

Rispondi